Print Friendly, PDF & Email

Cominciate a non saltarmi subito alla gola, eh?

Questa è le MIA versione del gulasch ungherese, quella che si mangia a casa mia. E mi sento anche di tranquillizzarvi nel dirvi che è abbastanza fedele all’originale.

In realtà, il vero piatto ungherese, è una zuppa! Sì, avete letto bene… ma, visto che lo si trova spesso anche in questa versione, dobbiamo chiarire la differenza tra gulasch ungherese e spezzatino con patate. Perché il rischio, in verità, è che i due piatti finiscano con l’assomigliarsi troppo…

  1. Il grasso utilizzato nel gulasch è lo strutto. Burro o olio nello spezzatino.
  2. Nel soffritto si utilizza solo la cipolla. Nello spezzatino anche sedano e carota.
  3. Niente vino per sfumare il gulasch, al contrario dello spezzatino.
  4. Ovviamente la paprika. Nello spezzatino classico non la si usa.
  5. La carne va tagliata a cubetti piccoli. Nello spezzatino di solito si usano pezzi più grandi.

Sicuramente altri, più esperti di me, avranno codificato ben altre differenze, ma, al momento, limitiamoci a queste…

Che dite? Cominciamo???

Ingredienti: (per 4 persone)

  • 600 g di carne di manzo
  • 2 cipolle
  • 1 spicchio d’aglio (facoltativo)
  • 2 patate grandi (circa 400 g)
  • 2 cucchiai di triplo concentrato di pomodoro
  • Brodo di carne
  • 2 cucchiai di paprika dolce
  • Cumino q.b.
  • 1 foglia di alloro
  • Olio evo o strutto, sale

Procedimento:

Tagliate la carne a cubetti di circa 2 cm.

Affettate sottilmente 2 cipolle, sbucciate e lavate, e fatele rosolare nello strutto. Perdonatemi… io ho usato l’olio, lo confesso!

Quando le cipolle saranno dorate, ma ancora morbide, aggiungete la carne e fate rosolare lentamente. Aggiungete anche la paprika, che si scioglie meglio nel grasso anziché nei liquidi, mescolando bene il tutto.

Ora unite 1 bicchiere di brodo, coprite con un coperchio e fate cuocere a fuoco bassissimo finché il liquido non si sia asciugato (circa 20 minuti).

Nel frattempo sbucciate e tagliate a spicchi le patate e, quando la carne sarà asciutta, aggiungetele nel tegame. Unite il concentrato di pomodoro, altra paprika, lo spicchio d’aglio (se lo usate), il cumino e l’alloro, regolate di sale e coprite il tutto a filo con il brodo.

Fate cuocere a fiamma bassa e con il coperchio per almeno 1 ora, aggiungendo altro brodo se si asciugasse. Alla fine dovrete ottenere un fondo denso e sciropposo, perfetto per la scarpetta.

Se lo desiderate, aggiungete ancora una spolverata di paprika.

Fate riposare qualche minuto a fuoco spento e servite ben caldo, magari accompagnandolo con della polenta.

Vale la pena dire che il giorno dopo, riscaldato, è ancora più buono!

Note:

  • Come gustosa variante potete aggiungere al soffritto di cipolla, 100 g di pancetta a cubetti.

Potrebbe interessarti anche....

Hai provato questa ricetta? Fotografa il tuo piatto e inseriscilo nei commenti, la tua foto apparirà anche nella pagina delle foto dei lettori!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.