Print Friendly, PDF & Email

Non so cosa ne pensate voi, ma a me Benedetta Parodi piace.

Anche se sta preparando una ricetta che davvero non farò mai, io continua a guardarla.

Mi diverte troppo…

Mi sembra molto schietta e alla mano.

Non si dà per niente arie da grande chef e, forse, questa umiltà me la rende vicina.

Poi, magari, nella vita reale non sarà così, ma io non la frequento mica e quindi il problema non si pone!

Qualche tempo fa preparava questa ricetta che ora vi propongo con qualche piccola variante.

Si prepara in un nanosecondo, si cuoce nel tempo in cui apparecchiate la tavola e taglia un po’ le calorie a porzione.

Di quest’ultima cosa non sono proprio sicura…

Io mi sono convinta a provarla per il nanosecondo!

lasagna light col turbo

Ingredienti: (per 4 persone)

  • 500 g di lasagne all’uovo fresche in sfoglia
  • 4 panetti di robiola (da 100 g cadauno)
  • 500 ml di latte circa
  • 100 g di pesto pronto
  • 4/5 pomodorini
  • Parmigiano grattugiato q.b. 

Procedimento:

Lavate e tagliate a dadini i pomodori.

Mescolare in una ciotola la robiola e il latte, aggiungendolo poco per volta per formare una crema liscia e omogenea e, abbastanza, liquida. Se serve, aggiungete più latte.

Regolare di sale e pepe.

Aggiungete il pesto.

  IMG_4260IMG_4262IMG_4265

Non vi resta che comporre il piatto.

Disponete sul fondo di una teglia uno leggero strato di salsa alla robiola e pesto.

Ora sistemate uno strato di sfoglie di pasta e copritele con la salsa, in modo che siano abbondantemente ricoperte. Spolverizzate di parmigiano e mettete qualche dadino di pomodoro.

IMG_4266IMG_4267IMG_4268

Proseguite gli strati fino a terminare gli ingredienti.

Terminate con la salsa, qualche pomodoro e una grattugiata di parmigiano.

Mettete in forno già caldo a 200° per 15/20 minuti e servite immediatamente.

IMPORTANTISSIMO: la salsa tende ad asciugare molto velocemente, proprio perché priva della besciamella. Non cuocetela neanche 1 minuto in più o rischierete di trovarvi con una lasagna piuttosto asciutta. Per lo stesso motivo servitela immediatamente. Purtroppo parlo per esperienza… Potete, invece, prepararla il giorno prima, mantenendola in frigo coperta con la pellicola, e cucinarla all’occorrenza. Anche surgelandola da cruda ho ottenuto ottimi risultati.

La ricetta originale di Benedetta non prevedeva il pesto e aggiungeva un po’ di rughetta, sempre cruda. L’ho provata anche così ed era molto fresca. Ma ho anche provato con funghi saltati in padella, oppure con pomodoro fresco e basilico, o con radicchio crudo. Diciamo che è personalizzabile a piacere, purché l’ingrediente aggiunto sia cotto o possa essere mangiato quasi crudo, vista la velocità del passaggio in forno.

Potrebbe interessarti anche....

Hai provato questa ricetta? Fotografa il tuo piatto e inseriscilo nei commenti, la tua foto apparirà anche nella pagina delle foto dei lettori!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.