Questo articolo ha come scopo quello di raccogliere in un’unica pagina tutte le domande inerenti il mondo del cake design.
Man mano che riesco ad aggiungere tutorial o mi vengono poste delle domande, cercherò di riassumerle in questo articolo.

Nella sezione “Gallery” potete dare un’occhiata alle torte e magari rubare qualche idea 🙂


Premessa

Come si prepara una torta decorata?

Innanzitutto occorre avere le idee ben chiare sull’aspetto finale della la torta, se ci sono piani finti e per quante persone è.

Io preparo normalmente uno schizzo della torta, dei vari piani, del vassoio e delle decorazioni.

Quindi mi organizzo la tabella di marcia. Come primo passo sicuramente mi dedico alle decorazioni, che possono essere oggetti tridimensionali, fiori con stampini, rose, ecc.

Preparo la scritta da mettere sul vassoio, o sulla torta.

Qualche giorno prima, ricopro il vassoio di pasta di zucchero in modo da avere il tempo necessario perché si asciughi bene.

1-2 giorni prima preparo la base.

Il giorno prima faccio le creme di farcitura e assemblo la torta in modo da lasciarla tutta la notte in frigo per stabilizzarla.

Il giorno della consegna posiziono la torta sul vassoio, ricopro di crema al burro e pasta di zucchero, sistemo le decorazioni e il gioco è fatto.

Vediamo gli argomenti trattati in questo articolo:

 

Come calcolare le dimensioni della torta?


 

Per le torte in pasta di zucchero, non vale la regola del peso a porzione, che nello standard è circa 100/130 gr a testa, in quanto la copertura ha un peso in base allo spessore.

Si calcola quindi la grandezza della fetta.

Esistono vari schemi su internet, normalmente sono basati su porzioni piuttosto piccole, servite a fine pasto o buffet.

Quindi va da sé che la grandezza della torta dipende sia dal numero degli invitati, sia dalla ricchezza del pasto che la precede, dall’appetito dei commensali e in ultimo dal numero di farcie (quindi dall’altezza della fetta).

In linea di massima, condivido queste proporzioni che permettono di ottenere delle porzioni di circa 5cmX2,5cm. Sono porzioni piuttosto piccole ma perfette per un fine pasto.

Regolatevi in base a tutte le considerazioni fatte prima.

Torte tonde:

DIAMETRO

13 cm

15 cm

18 cm

20 cm

23 cm

25 cm

28 cm

30 cm

N. PORZIONI

7

11

15

20

27

34

45

50

 

 

Torte quadrate/rettangolari:

PERIMETRO

52 cm

60 cm

72 cm

80 cm

92 cm

100 cm

112 cm

120 cm

N. PORZIONI

8

14

20

27

35

45

58

67

 

Una volta che si hanno ben chiare le dimensioni della torta finale, possiamo passare a preparare le decorazioni della grandezza ovviamente proporzionata alla torta.

Come si utilizza l’alfabeto in corsivo?

 

Per l’alfabeto, ma in generale per qualsiasi tipo di stampino che non si riesce a togliere bene dalla pasta di zucchero, basta utilizzare la pellicola trasparente tra la pasta e lo stampino.

In particolare per le lettere, stendere bene la pasta di zucchero sopra un tappetino dopo aver cosparso la superficie con un pochino di zucchero a velo. Stendiamo sopra la pasta  un pezzo di pellicola alimentare.

20150718_113921 Appoggiare lo stampino sopra la pellicola e con lo smoother o il mattarello effettuate una forte pressione passandoci più volte.

20150718_113947Rimuovete delicatamente lo stampino e la pellicola trasparente e se vedete che non si stacca bene, ripassate i bordi con il taglierino (se avete schiacciato forte non dovrebbe essere necessario)

20150718_114003
E questo è il risultato

20150720_191700

 

Come si ricopre un vassoio con la pasta di zucchero.

 

Lavoriamo la pasta di zucchero e formiamo un grosso salsicciotto che posizioniamo sul vassoio. Non è necessario che sia della stessa circonferenza perché andando a schiacciare, la pasta di zucchero si sposta piano piano allungandosi sul vassoio.

Non serve bagnare o mettere collanti sul vassoio, perché la pasta di zucchero si attacca abbastanza bene e comunque asciugandosi rimane ben fissata al vassoio.

20150717_221631Con il mattarello iniziamo a schiacciare il salsicciotto, accompagnando man mano la pasta di zucchero che inevitabilmente si allunga

20150717_221808fino a quando le due estremità si toccano

20150717_221947A questo punto con lo smoother lisciamo bene la pasta portandola un po’ verso il centro e nei punti scoperti, in modo da ricoprire tutta la parte visibile.

Ci vuole un po’ di forza e di pazienza, io in alcuni punti mi aiuto alternando mattarello e smoother.

20150717_223405

Fate delle prove con il sottotorta o la forma di polstirolo della stessa dimensione della torta e vedete se la pasta di zucchero copre tutta la parte visibile del vassoio.

Eventualmente togliete l’eccesso se vi sembra troppo (con quello che costa la pasta di zucchero, meglio non sprecarla in punti dove non serve no?). Diciamo che per stare tranquilli dovrebbe essere 1 cm più interno rispetto alla torta.

20150717_223217Con il bisturi o un coltello affilato, togliere la pasta di zucchero sul bordo.

A me piace rifinire il bordo del vassoio con un nastro del colore predominante della torta. Basta passare sul bordo del vassoio un po’ di colla stick e attaccare subito un nastro di raso o del materiale che preferite

FB_IMG_1429518182872

Mettete da parte ad asciugare bene. Fate attenzione perché finché non è perfettamente asciutta si rischia di segnarla e poi diventa molto più difficile risolvere il danno.

Come si utilizzano i piani di polistirolo?

 

I piani di polistirolo vengono utilizzati sia come “dummy cake”, cioè piani finti, sia sotto la torta vera per ottenere un effetto più slanciato.

A volte capita di dover utilizzare due forme sovrapposte per ottenere dummy cake molto alte.

In questo caso sovrapponete le forme e infilzate 5-6 stuzzicadenti o spiedini di legno (dipende dallo spessore del polistirolo) in senso obliquo in modo da attraversare tutte e due le forme.

20150330_214656
Con una carta abrasiva fina cercate ti togliere il più possibile le imperfezioni del polistirolo, cercando di passare delicatamente anche sul bordo superiore. Questo a mio avviso è molto utile perché il bordo troppo netto rischia di rompere la pasta di zucchero nel momento in cui ricoprite la dummy cake. Invece “addolcendo” leggermente il bordo, vi eviterà strappi alla pasta e manterrà inalterato l’aspetto estetico del bordo.

Ovviamente se volete un effetto più arrotondato, dovrete insistere di più con la carta vetrata fino ad ottenere un bordo molto stondato.

20150330_214627
Per ricoprire una dummy con pasta di zucchero, è sufficiente bagnare leggermente il polistirolo con dell’acqua. Potete usare un vaporizzatore oppure carta da cucina imbevuta d’acqua e strizzata, oppure passare sotto il rubinetto il polistirolo e poi asciugarlo brevemente con della carta da cucina.

Questo farà sì che il polistirolo sia umido ma non troppo bagnato e la pasta di zucchero si attaccherà bene.

Come si assembla una torta per ricoprirla di pasta di zucchero?

 

La torta può essere tutta commestibile oppure avere rialzi o piani finti in polistirolo, tipo questa:

20140310_003144Anche perché è impensabile avere 5 piani di torta vera; oltre ad essere veramente a rischio l’assetto, dovreste avere un reggimento da sfamare 🙂

Fate una prova con le forme di polistirolo e il vassoio che sorregge la torta, questo vi permetterà di capire se l’aspetto estetico finale vi soddisfa e le dimensioni sono armoniose

20140310_181326

Innanzitutto occorre fare la base e la farcitura bella soda in modo da avere una torta il più stabile possibile.

Come basi consiglio il classico pan di spagna, aromatizzato come preferite, oppure una torta al cioccolato, ma ho fatto spesso torte millefoglie, in quel caso occorre solo più attenzione durante la stuccatura con la crema al burro.

La farcitura ovviamente a vostro gusto.
Tra quelle più sode e stabili che utilizzo normalmente vanno segnalate la classica crema pasticcera (a cui potrà essere aggiunto del cioccolato fondente), la crema al cioccolato senza uova, la crema al mascarpone o la mousse alle fragole.

Se utilizzate una basi di polistirolo come rialzo, iniziate da questa.

Al centro ponete un po’ di crema al burro (preparata al momento e quindi ancora molto morbida).

Mettete il sottotorta, altro goccetto di crema al burro e mettete il primo strato di pan di spagna.

La crema al burro che abbiamo messo tra il sottotorta e il polistirolo e tra il sottotorta e la torta serve a tenere fermo il tutto altrimenti scivolerebbe via (considerate che quando viene messa in frigo, la crema al burro solidifica e blocca il sottotorta).

Per la bagna, scaldate un pentolino con dell’acqua e zucchero e un aroma a vostra scelta, abbinato al tipo di farcitura. Io ad esempio con la mousse di fragole ho utilizzato uno sciroppo fatto con acqua, zucchero e fragole ben frullate. Ho fatto bollire qualche minuto in modo da sciogliere i cristalli di zucchero e fatto freddare.
La quantità di zucchero per la bagna va un po’ a proprio gusto, insomma assaggiate 🙂

prendete una bottiglietta d’acqua vuota da 1/2 lt,  praticate dei buchi sul tappo (con una pinza, tenete una vite o un chiodo piuttosto largo, scaldatelo sul fuoco e bucate il tappo )

20140118_114024riempitela di sciroppo e irrorate la base

20140118_114048

 

Bagnate lo strato di pan di spagna, senza esagerare ma anche prediligendo il gusto, personalmente preferisco mangiare una torta buona anziché bella ma asciutta.
Questo è il tipo di torta che amo, bella farcita e bagnata al punto giusto

20150510_192928

Evitate di bagnare troppo il bordo altrimenti rischiate il collasso della torta.

Stendete uno strato di farcitura, meglio se con l’aiuto di una sac-a-poche in modo da non sbriciolare la torta.

in mancanza di sac-a-poche potete mettere la crema di farcitura dentro un sacchetto alimentare e tagliare un angolo, a questo punto premete il sacchetto come se utilizzaste una sac-a-poche

 

IMG-20140621-WA0002

Ripetete i passaggi per ogni strato di pan di spagna, senza dimenticare di bagnare anche l’ultimo.

Chiudete la torta con la pellicola alimentare e lasciate riposare qualche ora in frigorifero, meglio se tutta la notte, in modo da stabilizzare il tutto.

Rifilate i bordi della torta con un coltello affilato.

20150720_162431

Ora prendete il vassoio ricoperto di pasta di zucchero e mettete della pellicola sopra per proteggerlo. Tagliate un pezzo di pellicola al centro e mettete un bel cucchiaino di crema al burro per tenere salda la torta al vassoio.

20150720_162704

Questa operazione serve a non sporcare il vassoio con la crema al burro e con lo zucchero a velo quando andrete a stuccare e ricoprire la torta.

Se invece avete intenzione di posizionare la torta dopo averla anche ricoperta, non c’è bisogno di proteggere il vassoio.

Mettete la torta sopra il vassoio avendo cura di posizionarla bene al centro (a meno che non volete ottenere un effetto tipo questo)

Utilizzate la crema al burro morbida (se era in frigo, tiratela fuori un’oretta prima) per stuccare la torta in modo da riempire eventuali avvallamenti o buchi.

L’ideale per questa operazione è utilizzare un piatto girevole e contemporaneamente una spatola liscia con la crema al burro sopra. Tenete ferma la spatola e con l’altra mano girate il vassoio lentamente.

(nella foto vedete quanto è utile la pellicola che abbiamo messo per proteggere il vassoio dalla crema al burro)

20150720_163153

Una volta fatto il bordo, passate alla superficie superiore.

Il risultato è questo:

20140314_173641Potete ottenere questo risultato anche in più riprese, intervallando a momenti in frigo che assestano la torta e induriscono la crema al burro.

Mettete in frigo e fate rassodare la crema al burro.

Come ricoprire la torta di pasta di zucchero

 

Aiutandovi con dello zucchero a velo o ancora meglio amido di mais per non farla attaccare, stendete la pasta di zucchero su un tavolo da lavoro.

A volte la pasta di zucchero fa delle bolle, questo accade soprattutto quando è stata già lavorata, in sostanza l’impasto incamera aria e quando andate a stenderla si formano le bolle.

In questo caso, prendete una spilla e bucate delicatamente le bolle in modo da far uscire l’aria.

Una volta stesa per bene la pasta di zucchero (abbondate con le misure calcolando la superficie della torta e la sua altezza), arrotolate la sfoglia sul matarello e srotolatelo delicatamente sulla torta (foto 1).

Tirate delicatamente la pasta di zucchero verso il basso in modo da spianare le pieghe e accarezzate tutto il bordo con movimenti dapprima dall’alto verso il basso e una volta tolte tutte le pieghe, lisciate bene con movimenti orizzontali. A questo punto aiutatevi con lo smoother che permette di ottenere un risultato bello liscio e senza ditate.

pdz

Se state lavorando direttamente sul vassoio e l’avete protetto con la pellicola trasparente, ricordate di toglierla tirandola via delicatamente 🙂

Se avete una torta a più piani, è necessario, prima di assemblare il tutto, infilzare degli spiedini nella torta che sorregge il piano superiore in modo da non far collassare il dolce sopra il peso degli altri piani.

Tagliate con una tronchesina la parte in eccedenza facendo attenzione a non lasciare scheggette di legno  e a farli tutti della stessa altezza.

In alternativa nei negozi di cake design vendono dei supporti in plastica, ma vi garantisco che gli spiedini sono perfetti. Al limite se deve sorregere il peso di tanti piani, mettete più spiedini in modo da suddividere il peso in modo equilibrato.

20150720_182625

Per una rifinitura perfetta, vi consiglio un nastro o delle decorazioni sul bordo inferiore dei piani in modo da coprire eventuali imperfezioni.
Potete usare nastri di raso o in pasta di zucchero, o fiorellini in tema con la torta, qui potete vedere alcuni esempi

bordi

E’ arrivato il momento di attaccare tutte le decorazioni che avete preparato e godervi il vostro momento di gloria 🙂

20150410_105242

Ho steso poca pasta di zucchero per la grandezza della torta

 

Non so a voi…ma a me capita spessissmo, penso di aver lavorato la giusta quantità di pasta di zucchero, ma quando vado a stenderla mi rendo conto che avevo bisogno di una quantità maggiore.
Che fare?
Se si reimpasta la pasta di zucchero già stesa, c’è l’inconveniente veramente sgradevole che nel momento di stenderla di nuovo si formano le antiestetiche bolle d’aria. E’ vero che possono essere eliminate bucandole con l’ago, ma si perde tanto tempo oltre al rischio che il buchino si veda.
Così ora ho adottato un nuovo metodo.
Lascio la pasta di zucchero stesa, prendo un altro pezzo nuovo, lo lavoro un po’ per ammorbidirlo, lo stendo poco poco e poi lo sovrappongo al centro di quella già stesa.
Con il mattarello delicatamente continuo a stendere la nuova pasta sulla vecchia (occhio a non spingere troppo altrimenti rischiate che la pasta inferiore si spacchi), finché “l’aggiunta” non è quasi più visibile.
Ora basta trasferire la sfoglia sulla torta avendo l’accortezza di mettere il lato dove l’aggiunta è visibile a contatto con la torta

20151121_114225

20151121_114326

20151121_114447

 

25 Comments on Tutto sulle torte decorate

  1. felicia
    9 settembre 2015 at 4:17 pm (2 anni ago)

    grazie,bellissima le
    zione,mi è stata molto utile

    Rispondi
    • Stefiza
      10 settembre 2015 at 8:44 am (2 anni ago)

      Contenta di poter essere utile!
      Se hai domande o dubbi chiedi pure, magari io do per scontato cose che per altri invece non lo sono.
      ciao!

      Rispondi
  2. Vittoria
    13 maggio 2016 at 8:08 pm (1 anno ago)

    Salve dovrei consegnare una torta a due piani in pasta di zucchero domenica mattina,posso prepararla e decorarla la sera prima? Devono consumarla domenica pomeriggio. Grazie

    Rispondi
    • Stefiza
      13 maggio 2016 at 8:15 pm (1 anno ago)

      Ciao!
      Io preparo sempre il giorno prima senza problemi.
      L’unico rischio in cui puoi incorrere è che la pdz possa trasudare un po’. Questo dipende sia dalla qualità della pdz sia dal frigorifero se c’era umidità.
      Facci sapere com’è andata e mandaci la foto della torta! 🙂

      Rispondi
      • Vittoria
        17 maggio 2016 at 1:06 pm (1 anno ago)

        Questa é la torta che ho realizzato, grazie per il consiglio 🙂

        Rispondi
        • Stefiza
          18 maggio 2016 at 8:38 am (1 anno ago)

          Bellissima complimenti!!

          Rispondi
  3. Teresa
    3 giugno 2016 at 11:59 am (1 anno ago)

    Ciao! Avrei bisogno di un consiglio…devo realizzare una torta a due piani per la settimana prossima con base in polistirolo e una cascata di farfalle in wafer paper. Il mio dubbio è sulla farcia, poiché dovrò consegnarla 24 h prima che venga consumata, dovrà fare un viaggio di circa 30 minuti tutto curve e ovviamente non potrà andare in frigorifero!!! Cosa fare???
    Grazie in anticipo per la risposta 🙂

    Rispondi
    • Stefiza
      3 giugno 2016 at 5:44 pm (1 anno ago)

      Domandina: non dovrà stare in frigo per 24 ore oppure solo per il tempo del viaggio di mezz’ora?
      Se è solo mezz’ora, tranquilla non succede nulla, l’unica accortezza, evita farcie con panna, ed eventualmente usa panna vegetale che non smonta facilmente.
      Se invece la torta non può stare in frigo per tutto quel tempo, ti consiglio una crema di cioccolato e rum che non deve stare in frigo (se ti interessa ti cerco la ricetta).
      In ogni caso se la torta è a due piani, porta i piani divisi e assemblali all’ultimo così non rischi danni durante il viaggio ed inoltre riesci a collocare più facilmente in frigo i piani divisi piuttosto che uniti

      Rispondi
      • Teresa
        5 giugno 2016 at 9:17 am (1 anno ago)

        Prima di tutto grazie per la risposta 🙂
        La torta non vedrà frigo per almeno 24 h e dovrà essere consegnata già assemblata il giorno prima…quindi rileggendo un po’ qui e seguendo il tuo consiglio ho ridimensionato l’altezza complessiva in modo da renderla più stabile e ho scelto di farcirla con una ganache al cioccolato che, anche nella mia esperienza, è il miglior compromesso tra bontà e resistenza alla temperatura ambiente. Essendo destinata ad una Prima Comunione di certo non potrò utilizzare alcolici, ma spero verrà bene ugualmente 😉
        Quando sarà finita condividerò la foto 🙂
        Un forte abbraccio, Teresa

        Rispondi
        • Stefiza
          5 giugno 2016 at 10:16 am (1 anno ago)

          La ganache è sicuramente la crema che regge meglio se non puoi utilizzare liquori.
          Per stare ancora più tranquilla potresti utilizzare la panna vegetale al posto di quella animale.
          Inoltre ti consiglio di stuccare la torta sempre con la ganache piuttosto che con crema al burro.
          Aspetto la foto!
          Buon lavoro e un abbraccio a te!

          Rispondi
  4. gioconda
    11 settembre 2016 at 10:16 am (11 mesi ago)

    complimenti per il sito.
    vorrei dei consigli :
    dovrei preparare una torta a tre piani per le nozze d\’argento di mia sorella gemella per sabato 8 ott.i
    I due piani ‘finti’ li preparo qualche giorno prima , la torta vera alla base la devo ULTIMARE per forza la mattina del 7 ottobre e portarla in auto ( circa un’ora) al ristorante un giorno prima.Mi chiedo che precauzioni adottare per il trasporto in auto e che indicazioni dare al ristoratore per la conservazione della torta che sara’ consumata al pranzo dell’8/10.
    Inoltre vorrei sapere come si applica il nastro con strass che ho visto in una delle vostre torte? Grazie in anticipo e vi sarei grata se mi risponderete presto. un saluto Giò

    Rispondi
    • Stefiza
      12 settembre 2016 at 10:20 am (11 mesi ago)

      Ciao,
      Per quanto riguarda il trasporto ti consiglio di portare la torta smontata dai piani finti in modo che essendo un solo piano sia più stabile.
      Ti consiglio di metterla ovviamente in piano, quindi il bagagliaio è perfetto.
      Un’ora di viaggio a ottobre non dovrebbe creare problemi. Se invece dovesse far molto caldo, allora ti conviene viaggiare con la torta nell’abitacolo mettendo l’aria condizionata direzionata sulla torta.
      Al ristorante non devi dare particolari indicazioni se non che la mettano in frigo. Poi al moment della torta vai tu in cucina e assembli i piani. Almeno io faccio così.
      Il nastro di strass l’ho attaccato con la colla edibile. Se vedi che non si attacca proprio prova un po’ di ghiaccia (poca chiara d’uovo con zucchero a velo fino a farla diventare una specie di dentifricio morbido)

      Rispondi
      • gioconda
        12 ottobre 2016 at 10:31 am (10 mesi ago)

        Ciao, come promesso ti invio la foto della Bellissima torta che ho fatto x le Nozze d’Argento della mia sorellina gemella Angela. Grazie x i consigli

        Rispondi
        • Stefiza
          16 novembre 2016 at 10:36 am (9 mesi ago)

          La torta è meravigliosa!
          Complimenti!

          Rispondi
  5. Anna
    13 settembre 2016 at 9:37 am (11 mesi ago)

    Ciao innanzitutto complimenti torte spettacolari e proprio x questo volevo dei consigli. Da un po realizzo anche io torte in pdz però ho un problema praticamente quando posiziono un polistirolo sotto il pan di spagna al torta ultimata noto che si vede la differenza tra la crema al burro e il polistirolo e come se ci fosse una linea scura sotto la pdz e volevo sapere cm risolvere questo orrendo problema ed un altra cosa seguendo la tua procedura cioè la crema al burro tra il sotto torta e tra sotto torta sto tranquilla anche x i viaggi lunghi o rischio che si sciolga e si muovi cm sempre il polistirolo? Scusami per le tante domande

    Rispondi
    • Stefiza
      13 settembre 2016 at 10:02 am (11 mesi ago)

      Ciao Anna,
      Grazie per i complimenti 🙂
      Ogni tanto l’inconveniente del polistirolo capita anche a me.
      Il segreto sta nel fare il pan di spagna poco poco più piccolo del polistirolo, poi nel punto della giuntura abbondi con la crema al burro passandola anche sul bordo del polistirolo. Fai freddare bene in frigo e poi la ricopri con la pdz non troppo sottile. Più è sottile la pdz più si vedono le imperfezioni purtroppo. In ogni caso metti più crema al burro e stucca bene. La stuccatura è forse la fase più importante per ottenere un buon risultato finale.

      La crema al burro tra il polistirolo e sottotorta e tra piattino sottotorta e torta regge molto bene (io ne metto circa un cucchiaino). Come al solito dopo averla messa va tenuta in frigo in modo da diventare bella dura.
      Certo che se poi devi fare 200 km d’estate sotto al sole, non è più un problema solo di crema al burro ma di tutta la torta che diventa instabile.
      Spero di aver chiarito i tuoi dubbi 🙂
      Buona giornata!

      Rispondi
      • anna
        13 settembre 2016 at 1:13 pm (11 mesi ago)

        ti ringrazio sopratutto per la tempestiva risposta 🙂 cmq dovrò portarla ad una sessantina di chilometri ad ottobre quindi non penso faccia molto caldo…pero non vorrei rischiare ho un po il terrore che si muova quindi devo decidere se abolire o meno il polistirolo anche se amo le torte alte 🙁 grazie ancora

        Rispondi
        • Stefiza
          13 settembre 2016 at 1:41 pm (11 mesi ago)

          A meno che la torta non sia piccola di diametro e molto alta, non dovresti rischiare molto.
          L’importante è stuccare bene, mettere bene la pdz e andare piano 😀
          Aspetto la foto eh!

          Rispondi
  6. Diana
    23 ottobre 2016 at 4:14 pm (10 mesi ago)

    Ciao, complimenti per il sito!! volevo chiederti un consiglio. Devo realizzare una torta a due piani con pdz per circa 50 persone. Mi potresti dire i diametri delle due torte?
    grazie mille
    Diana

    Rispondi
    • Stefiza
      25 ottobre 2016 at 8:45 am (10 mesi ago)

      Ciao Diana, grazie 🙂
      Come spiego anche nell’articolo, è difficile dare una dimensione precisa della torta perché dipende molto dalle persone che la mangiano e se si tratta di una torta a fine pasto.
      Le misure standard riportano 30 cm di diametro per 50 persone.
      Si tratta però di porzioni molto ridotte, da ristorante e da fine pasto abbondante.
      Direi che potresti fare quindi una torta da 30cm e quella superiore da 15 o 20 a seconda dell’effetto che vuoi ottenere e dalle decorazioni.
      In alternativa puoi fare una unica torta da 40 cm e la superiore la fai con una base di polistirolo.
      Fammi sapere e soprattutto mandaci una foto!
      Buon lavoro!
      Stefiza

      Rispondi
      • Diana
        27 ottobre 2016 at 8:54 am (10 mesi ago)

        Grazie mille! la mandero’ appena realizzata

        Rispondi
  7. Vale
    3 marzo 2017 at 4:50 pm (6 mesi ago)

    Ciao complimenti per i tuoi lavori e brava per le spiegazioni!! Volevo sapere cm e dove conservare le decorazioni in pasta di zucchero se le faccio in anticipo. Grazie

    Rispondi
    • Stefiza
      3 marzo 2017 at 4:54 pm (6 mesi ago)

      Ciao!
      Le decorazioni si fanno asciugare all’aria e una volta asciutte puoi chiuderle in un contenitore al riparo dalla polvere

      Rispondi
  8. alessandra dal pino
    31 maggio 2017 at 10:00 pm (3 mesi ago)

    ciao innanzitutto complimenti ! Ti volevo chiedere con quale farcitura posso smorzare l eccessivo dolce della crema al burro , per far si che la torta non sia stucchevole? E quanto puo stare la crema al burro fuori dal frigo secondo te? Grazie per l attenzione

    Rispondi
    • Stefiza
      1 giugno 2017 at 8:53 am (3 mesi ago)

      Ciao, grazie per i complimenti 🙂
      Non mi sono mai posta il problema della farcitura troppo stucchevole perché in realtà l’eccesso di zucchero è dato più dalla pasta di zucchero che dalla crema al burro.
      Considera che la maggior parte delle persone scansano la parte della pasta di zucchero quando mangiano la torta proprio perché un po’ troppo zuccherata.
      In ogni caso potresti semplicemente ridurre lo zucchero nelle creme da farcitura, oppure puoi utilizzare come farcia la crema al mascarpone mettendo meno latte condensato.
      Fammi sapere!

      Però ti assicuro che nessuno si è mai lamentato dell’eccessiva dolcezza della torta in sé.

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






*