Print Friendly, PDF & Email

Frappe dell'Artusi

E si che ne ho provate tante di ricette delle frappe…

Ma così buone, semplici fragranti e leggere mai.

Una ricetta antica quella dei “cenci” dell’Artusi tratta da “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” (1891).

Per un vassoio abbondante:

  • 240 gr di farina 00
  • 2 uova
  • 20 gr di burro morbido
  • 2 cucchiai di grappa o vino bianco (io marsala)
  • 20 gr di zucchero 
  • olio di arachidi per friggere (circa 1 lt)
  • Zucchero a velo per la decorazione

Impastate a mano gli ingredienti oppure lavorateli in planetaria con la frusta K

Lavorate fino ad ottenere un impasto liscio.

Formate una palla, avvolgete con la pellicola e lasciate riposare una mezz’ora circa

Passato il tempo di riposo, dividete l’impasto in pezzi più piccoli e stendetelo in sfoglie molto sottili.

Io ho utilizzato la macchina sfogliatrice per la pasta, partendo dal primo numero e stringendo via via fino ad arrivare alla penultima tacca

Versate abbondante l’olio in una padella capiente e accendete il fuoco a fiamma media.

Nel frattempo che l’olio raggiunge la temperatura di 160-170°, tagliate le frappe con una rondella dentellata (o con un coltello a lama liscia), praticando anche un incisione al centro

 

Friggete poche frappe alla volta girandole a metà cottura.

Scolatele su carta assorbente e una volta fredde spolverizzatele con zucchero a velo.

Note:

Le frappe sono strepitose, croccanti, asciutte e di conseguenza risultano leggere. 

La parte alcolica è a proprio gusto, io ho voluto provare con il marsala per dare un sapore più intenso. A conti fatti non ho sentito alcun sapore particolare quindi mi viene da dirvi di utilizzare un qualsiasi tipo di alcool, dal vino bianco, alla grappa, ecc.

Ovviamente per rimanere in tema “carnevale“, vi consiglio di completare il vassoio di frappe con delle straordinarie castagnole classiche (per il tipico gusto romano) o se preferite con le castagnole morbide.

Potrebbe interessarti anche

[yuzo_related]

Hai provato questa ricetta? Fotografa il tuo piatto e inseriscilo nei commenti, la tua foto apparirà anche nella pagina delle foto dei lettori!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.