Print Friendly, PDF & Email

Se avere degli occhi puntati addosso vi fa passare l’appetito, allora tenetevi alla larga da questi occhietti spaventosi!!!

occhietti iniettati di sangue (e altri raccapriccianti!)

Per gli occhietti iniettati:

Ingredienti:

  • Uova sode
  • Olive farcite
  • Ketchup

Procedimento:

Mettete le uova in acqua fredda e, dal momento del bollore, contate 10 minuti. Per ottenere un rosso ben centrato leggete come fare qui!

Scolatele e mettetele a freddare in acqua fredda e poi in frigo per qualche ora, o per una notte. Sgusciatele e dividetele a metà.

Tagliate a rondelle le olive e appoggiate una rondella al centro del tuorlo.

Con una piccola siringa, o con uno stuzzicadenti, create accanto al tuorlo dei rivoletti di sangue con il ketchup.

IMG_5158

 

Per gli occhietti raccapriccianti:

Ingredienti:

  • Carote abbastanza grandi
  • Formaggio spalmabile (o maionese)
  • Olive nere denocciolate
  • Peperone rosso o pomodoro (facoltativo)

Procedimento:

Pulite le carote usando un pelapatate. Lavatele e asciugatele e tagliatele a tocchi di circa 3 cm di altezza.

Tagliate le olive nere a rondelle.

Poggiate sulla carota un ciuffo di formaggio spalmabile, oppure di maionese, e poi, su questo, una rondella di oliva. Per rendere più realistico lo sguardo potete aggiungere nel buchetto dell’oliva un pezzetto di peperone rosso o di pomodoro.IMG_5159

Potrebbe interessarti anche....

Hai provato questa ricetta? Fotografa il tuo piatto e inseriscilo nei commenti, la tua foto apparirà anche nella pagina delle foto dei lettori!

2 Comments on Occhietti iniettati di sangue (e raccapriccianti!)

  1. Franca
    25 Ottobre 2015 at 11:38 am (4 anni ago)

    Non sapevo che per centrare bene il rosso dell’uovo si facesse così…elementare Watson le proverò e credo sarà una serata all’insegna dell’horror!!!!ahahahaha

    Rispondi
    • Raffaffy
      25 Ottobre 2015 at 9:40 pm (4 anni ago)

      Brava! Una serata da paura!!! Fai una foto se vuoi, così la potremo ammirare nella pagina a voi dedicata!

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.