Print Friendly, PDF & Email

Secondo piatto servito in quel famoso pranzo

La saga continua, non arrendetevi perché ho ancora diverse ricette da proporvi!

 

 

Ingredienti: (per 6 persone)

  • 1 kg di arrosto di vitello
  • 1 cipolla
  • 300 g di funghi champignon (ma con i porcini viene superlativo!)
  • 150 g di zucca pulita
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 cucchiaino di dado granulare
  • Olio, sale, pepe
  • Salvia e rosmarino
  • 1 spicchio d’aglio

Procedimento:

Fate rosolare in qualche cucchiaio di olio la cipolla, tagliata a cubetti, insieme con l’aglio.

Aggiungete la carne e rosolatela su tutti i lati.

Sfumate con un bicchiere di vino bianco, aggiungete la salvia e il rosmarino, regolate di sale e pepe, unite anche il dado e chiudete con un coperchio.

Io ho cotto il mio arrosto in pentola a pressione per circa 45 minuti. Se preferite la cottura in un tegame, fate cuocere coperto per circa 1 ora e ½,  girando la carne di tanto in tanto. Se il liquido dovesse asciugarsi troppo, aggiungete un po’ di brodo o acqua.

A parte fate rosolare in una padella con poco olio i funghi, precedentemente lavati e tagliati a spicchi. Quando saranno dorati, metteteli da parte. Salate i funghi solo alla fine, quando saranno cotti, altrimenti rilasceranno molta acqua.

 

Cuocete allo stesso modo anche la zucca. Tenetela da parte insieme ai funghi.

 

Quando la carne sarà cotta, aprite la pentola a pressione (o il tegame) e scolatela dal fondo di cottura.

Avvolgete l’arrosto in un foglio di alluminio e fatelo freddare prima di tagliarlo a fettine.

Eliminate le erbe, unite i funghi e la zucca nel fondo di cottura dell’arrosto e fate insaporire per qualche minuto.

Al momento di servire, riscaldate molto bene il condimento e con questo nappate le fette di carne disposte su un piatto da portata, profumando con un giro di pepe.

Potrebbe interessarti anche....

Hai provato questa ricetta? Fotografa il tuo piatto e inseriscilo nei commenti, la tua foto apparirà anche nella pagina delle foto dei lettori!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.