Print Friendly, PDF & Email

Ho la fortuna di avere diversi alberi di ciliegie…

Che, per fortuna, sono carichi di deliziose e succose ciliegie mature…

Ciliegie che, quest’anno, fortunatamente, si sono salvate dall’assalto di corvi e cornacchie…

Ma queste non sono le uniche fortune che ho…

Ho, anche e soprattutto, la fortuna di avere un’amica che non vedeva l’ora di raccoglierle!

Per la verità non ha fatto tutto da sola, ma si è fatta aiutare da due “gnometti” volenterosi e dolcissimi…

Ha fatto un lavoro eccellente, direi…

Che ne dite? Giudicate voi!

IMG_7063

Quindi, vista la vastità del lavoro che aveva compiuto, potevo, semplicemente, “mangiarle”?

Potevo lasciarmi sfuggire un liquorino gustoso?

Mi piace pensare che il caldo del sole estrarrà tutti succhi e i profumi della frutta (senza nessuna fatica da parte mia, aggiungo!) per regalarli allo sciroppo e all’alcool.

E che poi il riposo donerà corposità e spessore al ratafià…

Ci vorrà del tempo, è vero, ma alla fine il risultato vi ripagherà, credetemi…

 

ratafià di ciliegie

 

Ingredienti: (per circa 1 litro di liquore)

  • 500 ciliegie
  • 200 zucchero
  • 100 acqua
  • 250 alcool per liquori a 95°
  • 1-2 cm di stecca di cannella (facoltativa)

Procedimento:

Preparate lo sciroppo.

Mettete lo zucchero e l’acqua in un pentolino, mescolate per far sciogliere lo zucchero. Portate il liquido ad ebollizione per circa 2-3 minuti. Poi spegnete e fate raffreddare.

IMG_7067

IMG_7068

 

Nel frattempo lavate e asciugate le ciliegie.

Mettetele in un barattolo capiente e aggiungete lo sciroppo, ormai freddo, mescolato con l’alcool. Unite anche la cannella, se la utilizzate.

IMG_7072

Mettete il barattolo al sole (o in un luogo caldo) per circa 2 mesi, scuotendolo di tanto in tanto.

IMG_7073

Poi eliminate le ciliegie e fate riposare per circa 3 mesi.

Filtrate il liquido con una tela sottile e imbottigliate.

Il ratafià, finalmente, è pronto da gustare!

Potrebbe interessarti anche....

Hai provato questa ricetta? Fotografa il tuo piatto e inseriscilo nei commenti, la tua foto apparirà anche nella pagina delle foto dei lettori!

2 Comments on Ratafià alle ciliegie

  1. valeria Spizzichino
    12 Giugno 2016 at 10:29 pm (3 anni ago)

    Per due mesi? Non immaginavo cosi tanto. Un tempo preparavo le visciole (ora non si trovano più) e le mettevo coperte di zucchero al sole , ma solo qualche giorno. Poi aggiungevo zucchero ed era fatta. Però sono tentata di provare questa ricetta.

    Rispondi
    • Raffaffy
      12 Giugno 2016 at 11:13 pm (3 anni ago)

      Quando si trovavano le visciole (hai ragione, ormai sono sparite!) lo facevo anch’io così. Ma il tempo di riposo al sole sotto zucchero era comunque di 40 giorni e poi altri 2 mesi di riposo dopo aver aggiunto l’alcool ( o la grappa). In pratica l’importante è che si estragga, con il calore o la macerazione o il caldo, il succo dai frutti.

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.