Print Friendly, PDF & Email

Contorno?

Piatto unico?

Antipasto?

Se non sapete scegliere la collocazione di questi sformatini, non preoccupatevi!

Fateli e basta!!!

 

 

Ingredienti: (per 6 persone)

  • 800 g di radicchio
  • 1 uovo
  • 150 g di besciamella
  • 100 g di parmigiano
  • Una noce di burro
  • Pangrattato per gli stampini
  • Olio, sale e pepe

Per la salsa al taleggio:

  • 200 g di Taleggio
  • 200 ml di panna
  • Noce moscata
  • Pepe nero

Procedimento:

Per la salsa al taleggio:

Mettete in un pentolino la panna e il taleggio, privato della crosta e tagliato a pezzetti. Profumate con il pepe e la noce moscata e fate sciogliere su fuoco basso. Quando la salsa velerà il cucchiaio, spegnete il fuoco e tenete da parte.

Per gli sformatini:

Tagliare il radicchio a listarelle sottili, lavatelo e asciugatelo, poi mettetelo in padella con un filo d’olio, sale e pepe e fatelo appassire.

 

Inserite in un mixer tutti gli ingredienti (radicchio, uovo, besciamella e parmigiano) e frullate per ottenere un composto omogeneo. Regolate di sale.

 

Imburrate gli stampini in alluminio e cospargeteli di pangrattato, eliminando l’eccesso. Riempiteli con il composto di radicchio.

 

Infornate, forno statico a 200° per circa 30 minuti.

Fate riposare gli sformatini qualche minuto prima di servirli, accompagnandoli con la salsa al taleggio.

Note:

  • Ho utilizzato il radicchio di Chioggia, che, secondo me è più adatto del radicchio di Treviso per questa preparazione. Inoltre, è sicuramente meno costoso. Ma se lo avete sarà perfetto anche con quello.
  • Potete evitare il passaggio nel mixer e mantenere il radicchio più “consistente”. In questo caso battete l’uovo in un piatto, con la besciamella e il parmigiano, prima di unirle al radicchio.
  • Un dado di scamorza inserito al centro dello sformatino prima della cottura ci sta sublimemente!!!
  • Questi deliziosi flan possono essere congelati sia da crudi che da cotti.
  • Se preferite il gorgonzola, niente paura! Sostituite il taleggio nelle stesse quantità e con lo stesso procedimento e avrete il più classico degli abbinamenti. Ve lo abbiamo proposto qui e qui!

Potrebbe interessarti anche....

Hai provato questa ricetta? Fotografa il tuo piatto e inseriscilo nei commenti, la tua foto apparirà anche nella pagina delle foto dei lettori!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.